Orgoglio Partenopeo

Loading...

lunedì 21 settembre 2009

Le morti bianche

Negli ultimi giorni si è parlato di nuovo di morti bianche.

Non perché la cronaca locale si sia occupata di qualche grave episodio, che purtroppo sicuramente sarà accaduto passando inosservato, ma per le polemiche dovute al fatto che la morte di un soldato "vale" mediaticamente molto più di quella di un lavoratore.

Non è di questo che volevo parlare però.
Volevo raccontare una mia esperienza di oggi.

Oggi ho visto un ragazzo, 17\18 anni, che, saltando e camminando sulla stretta ringhiera di un balcone, senza protezioni (con il "masto" che lo guardava e lo aiutava), si è messo a smontare il cassettone di una tenda da esterni, come questa.
Balcone situato al secondo piano, scarpe inadeguate, ringhiera e scarpe umide di pioggia.

A chi non ha la stessa agilità, fa certamente impressione...chi invece è del mestiere forse minimizzerà.
Tuttavia questo episodio mi ha fatto riflettere.

Si punta sempre il dito sulle istituzioni che non ci sono, sulla mancanza dello stato, sulla mancanza di politiche serie sulla sicurezza sul lavoro.
Ma se il lavoratore in prima persona non si cura della sua sicurezza...come si può pretendere che lo faccia qualcun'altro?

4 commenti:

  1. Anche a me in Italia è capitato spesso di vedere scene simili... c'è troppa leggerezza anche fra i lavoratori, a volte. E sinceramente non riesco a capire perché!

    RispondiElimina
  2. Io sono spericolato ed agile, ovviamente non come quel ragazzo.
    però saltare su una ringhiara di, che so, 7 cm di larghezza come fossi spiderman...

    non è che salti il dislivello di un marciapiede, sei al secondo piano......


    assurdo davvero.
    e devo dire che quì giù è pratica comune purtroppo.

    RispondiElimina
  3. Il mio ufficio è una polveriera, moquette, parquet, porte di legno smaltate, computer a profusione, sistema di messa a terra credo inesistente e....nessun estintore...

    Faccio battutina continue al capo e non lascio scappare un'occasione per puntualizzare che potremmo morire arsi vivi dato che non c'è neanche una scala antincendio.
    Risultato?
    mi prendono in giro...

    ps: quasi dimenticavo il boccione per raccogliere l'acqua del condizionatore vicino alle prese e una presa che stava prendendo fuoco 3 settiman fa.

    RispondiElimina
  4. Donatella,

    e dillo ai sindacati......ah dimenticavo che non esistono più.

    RispondiElimina

Lascia pure un commento :)