Orgoglio Partenopeo

Loading...

giovedì 30 dicembre 2010

La notte di capodanno

Come suggerito nel video che sto per postarvi (perifrastica attiva mica ciccioli!),
non fate come i Napoletani che ci danno dentro con i fuochi artificiali anche per i tutti i cinesi e tutti i messicani!
Siate più, light.

Per quanto invece riguarda i propositi per il nuovo anno...bhe una volta ho scritto che il nuovo anno secondo me inizia a settembre; nel caso voi siate banalmente dell'opinione che l'anno nuovo cominci il primo gennaio (che cosa scontata!), bhe vi auguro un anno che sia tutto, meno che light e parsimonioso.

Se volete qualcosa, se volete qualcuno, se avete un progetto, agite!
Conquistate, prendete (in senso metaforico eh, non sto istigando nessuno a rapire la propria bella o il proprio bello), realizzate e realizzatevi!

Buon tutto :)


Capodanno light:


I tre popoli fuochisti, tratto dal film 32 Dicembre:

venerdì 24 dicembre 2010

Tanti Tanti Auguri

Domani è Natale, non possono mancare gli Auguri.

Quest'anno ve li faccio con un video un pò meno natalizio di quanto ci si possa aspettare ma che mi auguro vi faccia ridere di gusto.



Buon Natale, passatelo con le persone che amate e mangiate fregandovene altamente delle diete.
Odio le persone che parlano di dieta a Dicembre, e ce ne sono :D

Auguri!!! :)

giovedì 16 dicembre 2010

Su Bloomcast

Bloomcast come molti (dei due stoici) che mi seguono sapranno, è una webcast che parla d'Irlanda.

Ideata e curata da due personaggi noti a chi frequenta la blogosfera Italo\Irlandese, Bacco (alto,brutto,cattivo,incivile ed irascibile) e Lyndon (del quale non ho un identikit ma se frequenta Bacco...non ci si può aspettare nulla di buono), Bloomcast si propone di fare un salto in avanti.
Nasce come un tentativo di evolvere il dibattito interno agli expats Italiani in Irlanda fino a poco tempo prima confinato nella forma del blog.

Ieri si è parlato di aborto in Irlanda.
Una puntata delicata che toccava un argomento crudo e doloroso.

Stamattina dopo aver pubblicato la registrazione della puntata di ieri, Bacco e Lyndon se ne escono con questo post:
La noia di Bloomcast.

Noia.
La puntata di ieri è stata poco seguita stando a quello che dicono.
Motivazione che li spingerà da prossimo mercoledì a cambiare regime, tornando ad essere più crudi e scomodi.
Non so cosa succederà.

Dico la mia su queste prime 10 puntate.
A me il format è piaciuto, bacco sembrava una persona seria.
Composto, calmo.
Lyndon, se vi va di rileggervi il suo blog lo noterete, composto e calmo lo è sempre stato.
E pur scatenando blog risse, mettendo un bel pò di sale in ferite aperte, sviscerando argomenti assai scomodi toccando corde molto delicate, incendiando code di paglia, ha sempre mantenuto bene il controllo della situazione ed ha continuato su questa linea anche nel progetto Bloomcast.

Il tono troppo pacato e gentile di queste prime 10 puntate pare che non gli abbia dato soddisfazione.
Vedremo cosa combineranno...

Complessivamente il mio giudizio è positivo, l'idea è buona e nel mio piccolo l'ho supportata.
Vediamo se il politicamente scorretto li premierà attirando più ascoltatori e riaccendendo un sano dibattito, senza spargimenti di sangue virtuale mi auguro.
A me le blog risse non piacciono, si tende sempre a partire per la tangente perdendo il nocciolo della questione.

Vedremo cosa rinascerà dalle ceneri del "vecchio" bloomcast.

A Mercoledì prossimo.

lunedì 6 dicembre 2010

Napoli nei primi posti della classifica della supercazzola

Il sole 24 ore ed il corriere, parlano oggi della qualità della vita nelle città Italiane.
Prima in classifica, Bolzano.

Napoli? non pervenuta...

Onestamente, non mi sento di criticare questa classifica.
Scagliarmi contro i criteri che sarebbero ingiusti.
Non mi voglio accodare a chi vede le ultime emergenze come una trovata mediatica per stimolare il cambio di colore politico al comune di Napoli (prossime le elezioni).

Questo primato negativo, Napoli se lo merita.
Silenzio, testa bassa e lavorare.

Napoli non soffre di questi "soliti" problemi da 5,10 o 20 anni.
E' da molto più tempo che è malata.
Oppure non è malata, ma è semplicemente fatta così e noi non vogliamo accettarlo...

Un pò di riso amaro con l'indimenticabile Massimo Troisi (un figlio di Napoli):

martedì 30 novembre 2010

Quando tocca a te.

Ieri se n'è andato Mario Monicelli.

Questo modo di dire non è mai stato così indicato come in questa circostanza.
Se n'è andato.
Ha deciso lui quando e ha deciso lui come.
Non è mancato, non si è "lasciato prendere".
Se n'è andato, lo ha deciso lui.

Fa impressione pensare ad un uomo di 95 anni, un artista, un uomo di 95 anni affermato che ha sicuramente vissuto un esistenza piena ed intensa, un uomo di 95 anni che ad un certo punto tronca la sua esistenza,lucidamente.


"Quando tocca a te, tocca a te" canta Ligabue.
Dal punto di vista mio e forse da quello delle due o tre persone che mi leggono, è difficile capire questo gesto.

Difficile capire dal basso delle nostre tenere età.

Come ci si relaziona ad una mente lucida ed attenta,
come quella di Monicelli che ha vissuto il mondo per 95 anni, 95 anni a cavallo tra due guerre mondiali ed in piena era post industriale?
95 anni vissuti in una fase particolare della storia umana.
Quasi un secolo, Vissuto.
Un secolo particolare che vede l'umanità progredire tecnologicamente come mai prima nella storia.
Come ti relazioni ad un Uomo di 95 anni che ha visto e vissuto sulla propria pelle tali stravolgimenti sociali e tecnologici?
E' difficilissimo.

Io non conoscevo Monicelli personalmente e non posso dire neanche di conoscerlo indirettamente se non attraverso alcuni dei suoi film più famosi.


Me lo voglio immaginare così; uno con le Palle.

Un uomo che prende in mano la sua vita e la sua morte.
Dopo una vita vissuta in tutte le sue sfaccettature, una lunga vita, a 95 anni decide di scavalcare il muro buonista del "finché c'è vita c'è speranza".
Decide di scavalcare il senso comune, attraverso il quale anch'io in un primo momento ho pensato "ma perché?".

Ho pensato in un primo momento, che sarebbe potuto andare in un clinica svizzera e fare le cose con più tranquillità e meno rumore.
Che magari si sarebbe potuto tranquillamente riprendere in qualche modo (era malato,è un fatto noto).
Ed invece no.
Così ragionano gli uomini piccoli piccoli o i non ancora uomini forse.

Un Uomo di 95 anni che ne ha viste parecchie, ad un certo punto ha deciso fregandosene del fragore dell'opinione pubblica, di chiudere quando ha voluto lui, come ha voluto lui e dove ha voluto lui.
Prima o poi,
tocca a tutti noi ma lui ha deciso, ha scelto l'attimo.
Ha preso in mano la sua esistenza.

Me lo voglio immaginare come un tipo che non andava in giro a fregiarsi dei suoi meriti (odiava essere chiamato maestro anche se lo era).
Non gli piacevano le autorità "forti", lui semplicemente faceva.
Faceva la sua parte, senza votarsi a miti o personaggi illustri, senza aver mai vissuto cercando idoli o mentori ai quali relazionarsi, imitandoli.

Non penso che mi mancherà Monicelli, perché tanto il Mario Monicelli che posso conoscere io è nei suoi film e quelli saranno sempre lì tutte le volte che vorrò guardarli.

Tanto, moltissimo, sconfinato rispetto per quest' Uomo.


EDIT
Spinoza.it lo ricorda così:
"Muore suicida Mario Monicelli. Il comitato pro-vita chiede di poter replicare."

Proprio così, ha zittito tutti.


Intervista a Mario Monicelli:



Luciano Ligabue - Quando tocca a te



Amici miei - il funerale del Perozzi (forse Monicelli, si sarebbe confessato così in punto di morte se fosse stato un credente, chi lo sa...)

domenica 28 novembre 2010

Aggiornamenti sulla questione rifiuti.

Scusate il titolo del post, forse è leggermente ingannevole.

Vorrei poter dire che sono cambiate ed in meglio le cose, come pomposamente annunciato non tanti giorni fa (per l'ennesima fasulla volta)...
purtroppo però non ci sono aggiornamenti, la spazzatura è ancora per le strade.


E dire che secondo qualcuno, l'immondizia è simbolo di civiltà e di opulenza...
Quindi tutte queste deroghe, di deroghe su deroghe e deroghe e deroghe.....servono solo a far aumentare il nostro benessere.
Che stupidi che siamo a non aver ancora compreso che è tutto per il nostro bene!

mercoledì 24 novembre 2010

Sesta puntata di Bloomcast

Crisi irlandese, arrivano gli aiuti EU/FMI

Questa sera si parlerà della crisi Irlandese e degli aiuti del fondo monetario internazionale, continuando il dibattito aperto la settimana scorsa alla luce dei nuovi elementi.

http://bloomcast.wordpress.com/2010/11/22/bloomcast-sesta-puntata/

Se avete qualche interesse riguardo all'Irlanda, ho siete solo curiosi di avere qualche ragguaglio in tema economico vi consiglio di seguire la puntata di stasera, on air alle 22 ora Italiana.

martedì 16 novembre 2010

Quinta puntata di Bloomcast:

"Default irlandese: gli scenari possibili di una deriva economica.”

Domani sera alle 21 live da Dublino (ovvero alle 22 ora Italiana) andrà in onda la quinta puntata di bloomcast.

tema delicatissimo e molto interessante.
l'Irlanda ce la farà ad uscire dalla crisi? il rischio default quanto è concreto??

In studio con Bacco e Lyndon anche Mezzos@ngue in qualità di esperto di economia, aiuterà a fare un pò il punto della situazione.

Per maggiori info visitate il blog ufficiale di Bloomcast.

non perdete la diretta.

domenica 7 novembre 2010

Un paese nel quale la giustizia, non ha alcun significato!!!

Rubo e modifico in maniera rabbiosa ed irriverente, il titolo a questo post di Mezzosangue che parla di un esempio virtuoso in cui la giustizia c'è, e fa ciò che deve.

Camigliano, è uncomune della provincia Casertana solitamente nota per l'elevato numero di amministrazioni locali sciolte per infiltrazione mafiosa.
Il suo ultimo sindaco, attualmente ex, Vincenzo Cennamo è un politico giovane.
Idealista, preparato, realmente interessato a servire la comunità che lo ha eletto ed a perseguirne il benessere.
Durante il suo mandato si attiva, mette le mani nel torbido chiudendo una cava che era andata ben oltre la legge scavando in profondità;
Si preoccupa di migliorare il ciclo dei rifiuti, raggiungendo un tasso del 60% di raccolta differenziata...e lo Stato che fa?
Scioglie l'amministrazione e licenzia il sindaco...

Ricapitoliamo.
Se fai la differenziata e governi bene...ti licenziamo e commissariano il tuo comune. 
Questa è la giustizia in Italia...

Avevo letto di questo sindaco, e oggi ho finalmente potuto guardare la puntata di report in cui si parlava della sua vicenda.
Vi invito a fare lo stesso, se volete avere un idea chiara di come vanno concretamente le cose, quando le luci dei riflettori si spengono e si torna nell' emergenza ordinaria.

Il paragone con l'esempio Irlandese che mezzosangue riporta con il suo post, è davvero imbarazzante.
Così funzionano le cose nel caro vecchio stivale...

Il Vesuvio con contorno di immondizia

se volete sapere qualche cosina in più sulla questione rifiuti in campania, questione ancora irrisolta a sottolineare l'affidabilità dai proclami del presidente del coglionsiglio, vi suggerisco questo video.

tristemente istruttivo.


Tolleranza Zoro - Puntata 62

martedì 2 novembre 2010

In Italia si sta male...

... questo il titolo di un bel pezzo di Paolo Rossi, che avevo dimenticato.
Dopo le ultime (ennesime) vicende del presidente del coglionsiglio Italiano (l'apice potete guardarlo a questo link), questo pezzo ci sta tutto.
Scanzonatamente ridiamo un pò, meglio che piangere.

domenica 24 ottobre 2010

Bloomcast, un occhio critico sulla società Irlandese di oggi

Facendosi strada fra gli stereotipi tipici che,
noi Italiani spesso,
abbiamo sull'Irlanda e gli Irlandesi,
Bacco e Lyndon hanno messo su bloomcast.






Cos'è bloomcast?
Una webcast, una sorta di canale video e radio in streaming che permette a chi ha qualcosa da dire, di poter trasmettere via web.
In onda ogni mercoledì alle 22 ora Italiana, un ora di considerazioni, parole, chiacchiere e musica, con l'Irlanda al centro di tutto.

Bacco e Lyndon,
vivono in Irlanda da diversi anni.
Passata la fase in cui l'Irlanda è solo pub, musica tradizionale e poco altro, questi due rompi scatole tentano attraverso i loro blog di descrivere l'altra Irlanda; quella che turisti ed emigrati Italiani dallo sguardo forse un pò superficiale non riescono a cogliere.

Seguiteli.
Il progetto, che ruba loro del tempo libero, è interessante se siete curiosi di saperne di più sull'Irlanda e di uscire un pò fuori dai sentieri già battuti.
Chi conosce Bacco e Lyndon sa di cosa parlo.


Buon lavoro ragazzi.


mercoledì 13 ottobre 2010

Due parole su Dublino

Blog di Italiani in Irlanda ce ne sono tanti, ci sono community abbastanza frequentate all'interno delle quali si è sicuramente parlato di più e meglio, di come potrei fare io, della capitale Irlandese.

Quindi oggi voglio scrivere solo due righe sul mio più recente passaggio in città.
Anzi, voglio scrivere due righe su come ho trascorso in particolare una giornata, andandomene in giro semplicemente.

Una mattina di sole e celo limpido(cosa che non si verifica tanto di rado mi dicono alcuni Italiani che vivono lì, mentre altri dicono che Dublino è invece sempre e solo piovosa e grigia...), ho appuntamento in Dublin 4 con una persona.
Mi alzo, colaziono(faccio colazione per i non affini al mio vocabolario), rompo la doccia (poi rimessa a posto) e mi appropinquo a farmi la mia bella camminata.
Partenza, Dublin 1 zona docklands (lower mayor street).
Il percorso è grosso modo questo.

Passeggiando mi sono reso conto di diverse cose.
1)a casa mia non posso farlo tutti i giorni nel quotidiano, qui invece è vita di tutti i giorni per molte persone.
2)il percorso è stato molto tranquillo, in quanto Dublino è pianeggiante e poco estesa.
3)lo stesso percorso sarebbe stato possibile anche in tarda serata, visto che le ragazze qui escono da sole anche a piedi(evitando, come buon senso comanda, le zone più brutte).

Molti dipingono Dublino come noiosa se so elimina la parte birraiola dei pub con la musica live, ma non è affatto così.
I luoghi di maggior interesse per me? bhe io posso dire che le librerie dove si possono acquistare libri usati di qualsiasi tipo, e i piccoli localini dove poter gustare vera cucina locale sono solo due dei diversi luoghi che consiglierei da turista.
Se andate a Dublino, passate per Temple Bar, visitate la fabbrica della Guinness giusto per dire "io ci sono stato lì" ma poi evitate come la peste i luoghi turistici e frequentati da chi identifica la città come fosse limitata ad una via e due pub, quella non è la capitale Irlandese che piace a me.

A piedi o in bici Dublino offre tanto, e io sono stato particolarmente impressionato dal quotidiano di chi vive lì.
Quante volte mi è capitato di vedere alle 22 una ragazza da sola che fa jogging sul lungo fiume in piena tranquillità?
Mai in Italia(la parte che conosco e che vivo io, specifichiamo).

Ecco, mi ero ripromesso di essere sintetico...ma ho già sforato senza arrivare con precisione al punto.
Lo faccio dicendovi che, ragazzi Dublino vive! è piena di controsensi e vive una crisi economica tosta come altre capitali europee, ma vive ed è molto lontana da quella che molti descrivono avendoci vissuto per uno o due anni frequentando sempre e solo i pub (bellissimi, luoghi che adoro anzi amo) e i soliti posti turistici.
Dublino è molto di più, è una città vivibile che se si ha voglia di scoprire ha molto da dare.
A patto che di andarle in contro con umiltà e senza preconcetti.

In conclusione, copio ed incollo pari pari, le impressioni scritte di getto in una e-mail ad un amico che mi chiedeva cosa mi aveva lasciato questo passaggio un pò più calmo ed approfondito in città, in sintesi per davvero stavolta :) tanto so già di aver tralasciato molti dettagli e di aver scritto in una forma pessima non potendo correggere non avendo tanto tempo...

nella speranza che il mio fintamente sintetico racconto vi piaccia, vi saluto da una città molto piovosa che dovrebbe invece essere la capitale del Sole. stranezze della vita che infrange gli stereotipi :)

"impressioni sul mio viaggio?


bhe assolutamente sono stato benissimo.
la volta precedente essendo in compagnia non mi potevo muovere (io cammino assai ed una delle due mie amiche non poteva caminare tanto).
questa volta invece è stato diverso.
Il fatto di essere potuto agilmente arrivare dalle dockland alla RDS a piedi, da solo, con la massima tranquillità ed in un tempo anche breve, mi ha dato il primo metro di giudizio sulla vivibilità della città.


è assolutamente tutto vero quelli che dicevi, che se ti urta una persona si scusa immediatamente, che se chiedi un informazione sono alla mano, che a Dublino ci sono ragazze del posto molto belle anche se molti ti diranno il contrario, che la carne è veramente buona, che le iniziative culturali ci sono e sono diverse, e che se consideriamo che fino a mo io ho visto solo lo 0.1%,questo è un assaggio che fa venire l'appetito mangiando....


considera anche poi che con bus e dart vai al mare, vedi un pò di vera Irlanda stando in una capitale, che phoenix park è sconfinato e che oltre a quello ce ne sono tantissimi altri....


Sono stato impressionato piacevolmente, nel vedere delle ragazze correre sul lungo fiume (lato sud delle docklands) alle 22 da sole. 
Questo mi ha fatto riflettere tantissimo, noi qui nelle nostre città pensiamo di vivere in zone tranquille e buone...che in realtà viviamo poco e niente, di cui non siamo padroni...ci sarebbe molto da dire poi riprendiamo il discorso"

martedì 5 ottobre 2010

La scimmieconomia

Interessante e curioso video che confronta il modo in cui prendiamo decisioni in ambito finanziario, e come queste decisioni vengono prese da alcune scimmiette usate come cavie.
Un modo molto originale per muovere critiche alla scienza economica ufficiale.

Buona visione.

sabato 2 ottobre 2010

"Prevista una nuova discarica...

...nel verde incontaminato del parco del Vesuvio.
Protestano i residenti. "

Con questa battuta amaramente ironica di Spinoza.it, che utilizzo come titolo per questo post, cerco di fare un brevissimo punto della situazione rifiuti in campania.
Amaramente ironica perché, non è ironia ma constatazione della realtà.
Ci sono già discariche nel parco nazionale del vesuvio ed in quello che dovrebbe proteggere la zona collinare di Napoli, e se ne stanno aprendo altre. IN UN AREA ADIBITA A PARCO!!!!!!!


La situazione in breve:
dalla discesa del presidente del consiglio silvio berlusconi, dai suoi proclami di successo accompagnati dal prode guido bertolaso, in campania non è cambiato perfettamente nulla!
L'ennesima emergenza di allora fu affrontata individuando qualche nuovo buco in cui sotterrare i rifiuti, riaprendo qualche discarica chiusa.
Sarebbe stata solo questione di tempo, e quei buchi si sarebbero riempiti.
Lo avrebbe capito chiunque.
Va detto per onestà, che sebbene in questo frangente è berlusconi a sparare cavolate, il problema è più vecchio di lui e le amministrazioni locali sono altrettanto colluse ed invischiate in questa sporchissima faccenda.
Faccio questa precisazione, perché il problema è serio e di così vaste proporzioni che ridurlo alla diatriba classica "è colpa di berlusconi che non mantiene le promesse", "è colpa dell'amministrazione precedente che è stata negligente" mi pare davvero un atto stupido.

Dicevo,
oggi dopo la discesa in campo della presidenza del consiglio, il termovalorizzatore di Acerra funziona male, e le balle da bruciare in quel sito vengono confezionate ancora peggio al punto che si cerca un sito provvisorio (quindi definitivo) in cui stoccare le ecoballe per capire cosa farne...

Ricordo come fosse ieri, la presentazione trionfale da parte di bertolaso in diretta al tg3 regione campania, del sito di Acerra.
Qualcosa di ultra modernissimo e perfettamente funzionante...macchè!

Qui da me la differenziata si fa, ma mi sento di dubitare (senza averne le prove purtroppo) che il nostro dividere plastica, carta, vetro, sia vano in quanto poi tutto vada a finire nello stesso fetente posto, ovvero la discarica.
Avrei molte cose da aggiungere ma mi ero ripromesso di essere breve.
Se avete voglia cercate in giro per la rete, troverete molto materiale.
Io vi consiglio di non perdere tempo, in quanto le cattive notizie che avete e che avete già verificato in passato, vi forniscono ancora un quadro assolutamente attuale della situazione che è profondamente desolante.

tenete a mente solo questo , il problema rifiuti in campania NON è assolutamente risolto, anzi!

In chiusura vi linko un paio di video che parlano da soli.
Buon fine settimana.







Una Montagna Di Balle from spazzatour on Vimeo.





fonte:
Eco Blog

Edit2:

giovedì 30 settembre 2010

Napoli e i soliti problemi

Non mi riferisco al problema rifiuti, non voglio accennare alle discariche messe nel parco del Vesuvio, una cosa terribile ma tanto parlarne non serve a niente ed a nessuno.

Voglio solo linkare un pezzo del buon Massimo Troisi, magari mi strappa una risata...anche se sui problemi di Napoli e su quello dei rifiuti, non ci sarebbe proprio nulla da ridere.



martedì 28 settembre 2010

Quando uno Svedese si arrabbia per i problemi Italiani...

Beppe Severgnini all'interno della sua rubrica Italians, ha pubblicato una brevissima lettera (che potete leggere qui) di un cittadino (presumo dal nome e dal dominio .se della sua mail) Svedese.
In poche righe, questo signore si lamenta di come sta andando l'Italia;
di come gli scandali quotidiani non ci diano alcuna scossa.

Conclude la sua lettera con queste parole:
"Li avete votati voi. Allora possiamo dire che avete il governo che vi meritate?"

Io vorrei poter prendere la sua mail, scrivergli una lunga lettera di risposta.
Dirgli che lui è male informato, che le cose non stanno così, che pensasse piuttosto ai fattacci suoi invece di venire a criticare l'Italia senza cognizione di causa.
Gli vorrei scrivere una lettera arrabbiata.
Senza insulti e odio gratuito, ma rispondergli a tono sapendo di stare nel giusto supportato dai fatti.

Ma il signor Mikael Svensson ha ragione....quindi credo di non potergli scrivere proprio niente.

Amaro, ma vero...

Edit a pochi minuti dalla pubblicazione.
Liga ci viene in aiuto insieme a Piergiorgio Gay ed al film "Niente Paura" regalandoci un pò di luce lì, in fondo al tunnel.






venerdì 17 settembre 2010

Padania libera

Mi auguro che questo simpaticissimo video venga capito ed apprezzato da tutti.
Non è nelle mie intenzioni offendere nessuno.

Fatta questa piccola premessa,
buona visione!


giovedì 16 settembre 2010

Non insegnate ai bambini...

Il titolo lo rubo da un pezzo di Giorgio Gaber, ma questa volta lui non c'entra.

Mi è capitato di vedere questo video:



Che dire?
Se questi sono i miti dei ragazzini...un pivello che sa mettere benissimo la palla in rete (fuori di discussione nonostante i cambi di maglia paraculi) ma che parla come il personaggio più rozzo del padrino rivolgendosi ad un signore come Sacchi...
Mamme e Papà, spegnete la televisione ed imbottite i bimbi con i classici disney che è meglio!

sabato 11 settembre 2010

Cioè voglio dire, se Giorgio Gaber fosse ancora vivo...

...cosa scriverebbe\canterebbe oggi, visto e considerato che quello che ha già scritto e cantato è di costante attualità????

Tratto da "polli di allevamento":

Salviamo sto paese




"Deve esserci un accordo
se ci sta a cuore la salvezza del paese.
Salviamo 'sto paese? Eh?
C'è bisogno di un'intesa
vogliamo tutti insieme metterci
a pensare seriamente alla ripresa? Eh? economica? Sì?
Bisogna lavorare sul concreto

bisogna rimboccarsi le maniche per incrementare la produzione e assicurare uno stabile benessere sociale a tutti coloro

ai quali noi, per il momento
abbiamo chiesto sacrifici
vogliamo uscire a testa alta dalla crisi? Eh?
Salviamo 'sto paese? Sì?
Eliminiamo il disfattismo
con della gente che in questa confusione
sappia mettere un po' d'ordine, eh?
Pubblico. Sì?
Bisogna che lo stato sia più forte

organizzando anche un corpo adeguato e, se necessario, addestrato, non come proposta di violenza

ma per quel nobile realismo
la cui area si é allargata
non puoi negare a certe zone di sinistra, eh?
La buona volontà. Sì?
In questo clima di distensione
possiamo finalmente accordare la fiducia
a tutte le forze, eh? Democratiche. Sì?

Bisogna far proposte in positivo
senza calcare la mano sulle possibili carenze. Lasciamo perdere il pessimismo, l'insofferenza generale dei giovani, i posti di lavoro, l'instabilità, la gente che non ne può più, la rabbia, la droga, l'incazzatura, lo spappolamento, il bisogno di sovvertire, il rifiuto, la disperazione... Cerchiamo di essere realisti. Non lasciamoci trarre in inganno... dalla realtà!

Italia
depressa ma bella d'aspetto
è un bel paesotto che tenta di essere tutto
con dentro tanti modelli
che mischia, confonde, concilia
riesce a non essere niente
l'Italia
negli anni sessanta fioriva
la gente rideva e comprava la macchina nuova
ma proprio in questi momenti
si insinua uno strano rifiuto
e si contesta lo Stato
d'Italia
bisogna ridare all'Italia
la folle allegria del benessere sano di ieri
senza disordini né guerriglieri.

Salviamo 'sto paese
salviamo 'sto paese
per essere felici e spensierati come nel sessa… come nel sessa… come nel sessa… come nel sessantadue."


lunedì 23 agosto 2010

Libri usati

Inseguendo il proposito di leggere di più, approfittando di qualche decina di € dispari presente sulla mia vecchia postepay, mi sono messo alla ricerca di un paio di libri(fra la miriade che ho in coda).

Ovviamente, troppo facile sarebbe stato trovare subito quello che cercavo.
Infatti, uno di quelli che più mi interessava, Ireland a Novel di Frank Delaney non mi è stato possibile reperirlo nelle librerie comuni e ne tanto meno in Italiano.

Di solito, in virtù del fatto che trovo tutto quello che mi serve a portata di mano,non mi avvalgo dei servigi di siti di e-commerce.

Questa volta ho dovuto, e devo dire che mi si è aperto un mondo.
Ireland a Novel è il primo che ho comprato.
Un libro usato, in Inglese, preso su play.com, un sito di e-commerce non specializzato in libri per la verità in quanto ci trovate musica e molto altro ancora.

Per la modica cifra di 3,31€ con incluse le spese di spedizione, ho ricevuto a casa in busta antiurto(con le palline d'aria) un libro usato di biblioteca(profuma di scaffale vecchio) con tanto di etichette ancora attaccate ed in condizioni ottime.

Ho comprato anche altre cose dallo stesso seller(bookplay che vanta un elevatissimo numero di feedback positivi dagli utenti), oggi mi è arrivato Sherlock Holmes e sto aspettando The Mists of Avalon(che però ho acquistato da un altro seller).


Provate per credere, per quel che mi riguarda mi si è aperto un mondo.
Buona lettura :)

p.s. unico "limite" ci trovate solo libri in Inglese, per me non lo è, anzi è uno stimolo a migliorare.



martedì 10 agosto 2010

Discrepanze infrastrutturali

A Napoli qualche giorno fa, è deragliato un vagone della circumvesuviana.
Ci è scappato il morto ed un certo numero di feriti, testimoni dicono che il conducente fosse al telefono.
Quindi errore umano.

Io posso dire che i treni sono un po vecchiotti e che per me, eventuali soldi disponibili andrebbero spesi per rafforzare il trasporto locale.

Invece noi che facciamo?
Spendiamo UN MILIARDO e CINQUECENTO MILIONI DI EURO per comprare 50 treni super veloci che accorciano il tempo di percorrenza tra Milano e Napoli di ben 15 minuti, rispetto alle frecce rosse attualmente in servizio......

Logico. non sia mai che la qualità della vita dei cittadini possa migliorare...

Edit:
aggiungo questa lettera tratta da Italians, che aggiunge alcune considerazioni al post.

martedì 27 luglio 2010

Lassismo - significato di

"Tu invece che sei una persona sveglia,
tu che paghi le tasse e fai bene il tuo lavoro
se abiti al sud,
non ti sentire nu suggetton' se vedi intorno a te tanto lassismo.
Pretendi ciò che ti è dovuto,fatti rispettare e fai rispettare le regole!!!!.....

Iamm' buon' pur nuje. fracedon'!!!!!"

lunedì 12 luglio 2010

Indro Montanelli, ai posteri

Montanelli sull'Italia ed il suo futuro:



Travaglio parla di Montanelli, con Feltri che viene "lievemente" sbeffeggiato telefonicamente da Montanelli:




EDIT:
Biagi che intervista Montanelli con uno scambio di battute usando il "tu", un altra chicca.



Free Sakineh

Tratto da Repubblica.it

Sakineh Mohammadi Ashtiani, è una madre di 42 anni, in carcere perché accusata di adulterio. Un tribunale islamico l'ha condannata nel 2006 alla pena di morte. Nel 2007 la Corte suprema iraniana ha confermato la condanna alla lapidazione, il supplizio previsto per le adultere. Un tipo di pena che in passato è già stato applicato molte volte ma che nel caso di Sakineh ha scatenato una mobilitazione internazionale senza precedenti. Vacillano le certezze della parte più militante del regime iraniano, mentre l'ala più moderna dell'apparato e della politica a Teheran si impegnano nelle proteste.


Io firmerò la petizione, visualizzabile a questo indirizzo.

Se pensate che la lapidazione sia una pratica barbara, se volete salvare Sakineh, firmate anche voi.

domenica 11 luglio 2010

Fair play and congratulations to the World Champion Spain

Tanti Auguri alla Spagna campione del mondo, complimenti all' Olanda per essersi battuta fino all'ultimo.

Avrò per tutta la vita fissata nella memoria una delle ultime immagini, l'Olanda che fa il tunnel alla Spagna per fare i complimenti e stringere mani.


Questo dovrebbe essere sempre lo sport.
Una partita dura, anche fallosa ma combattuta con onore.

Bellissimi anche i sorrisi e gli abbracci fra Andrés Iniesta e Wesley Sneijder (se non erro) con la partita ancora tutta ancora da giocare, dopo un contrasto anche duro, si rialzano e ridendo si danno pacche sulle spalle.
Una bella lezione, facciamone tesoro.


Auguri Spagna!

Edit:
un altra bella immagine, fresca, sincera, spensierata, è il bacio di Casillas il portierone della Spagna, alla sua fidanzata che era lì per lavoro in qualità di giornalista.
Iker parla della vittoria, un pensiero alla famiglia e poi si commuove e bacia la sua fidanzata.

Una bella immagine :)



giovedì 1 luglio 2010

Culattoni e raccomandati. e adesso chi glielo dice ad Alemanno?

Apprendo dal telegiornale di un piccolo scandalo nel pdl Romano.
Stando alla stampa di parte e quella invece teoricamente più obbiettiva ed imparziale, un consigliere provinciale (al telegiornale si è detto fosse molto vicino ad Alemanno), è stato ricoverato in ospedale in stato confusionale, richiedendo un previo intervento delle forze dell'ordine.

Pare la notte prima stesse gozzovigliando con altri amici in un party a luci rosse con l'immancabile presenza di sostanze molto più che stupefacenti.
Si parla anche della presenza di transessuali, molto di moda ultimamente.


Premetto e preciso che:
in nessun modo mi sento di discriminare chi è attratto da persone dello stesso sesso.
Se il qui presente consigliere lavora bene, può andare a letto con chi gli pare, non è questo il punto.

Il punto è un altro.
Questo consigliere, appartiene a quell'area politica che fa della sicurezza, della lotta agli immigrati un cavallo di battaglia.
Questo consigliere, appartiene a quell'area politica che non troppo velatamente è contro le unioni gay, e non solo, discrimina e deplora gli omosessuali, come fossero solo e semplicemente individui malati.
Magari (non conosco il soggetto, non l'avevo mai sentito nominare prima) questo stesso consigliere in pubblico è sempre stato uno di quelli che punta il dito contro i sinistroidi che si ammazzano di canne, contro gli omosessuali....per poi venir pescato ad un festino a base di droga e chi sa cos'altro.

Da quanto detto al tg3 (mi è capitato di vedere solo quello oggi, scusate la parzialità) pare che la vicenda sia partita dagli schiamazzi causati da un comizio improvvisato da questo giovane militante.
Il Tg3 ha fatto chiaramente capire che la persona in questione, in preda ai fumi dell'alcol ed agli effetti delle droghe stesse facendo un imitazione di Mu$olini.
(dico magari e pare, perché la notizia è passata parzialmente e sebbene le abbia cercate non ho ancora trovato conferme)

Schiamazzi che hanno poi richiamato le forze dell'ordine.



Concludo.

Non colgo l'occasione per uscirmene con frasi del tipo "questi fascistucci che in pubblico sono omofobici e nel privato invece vanno a trans", sarebbe molto scorretto, non mi piacciono questo tipo di sciacallaggi, non è a questo che voglio arrivare.


In primo luogo, spero che questo signore venga seguito e si ristabilisca.
Mi auguro che interrompa per sempre la sua eventuale dipendenza dalle droghe.

E mi pongo e pongo, a quelle due o tre persone che leggono questo spazio amatoriale in cui a volte mi sfogo, una domanda.


Ma da chi ci facciamo governare?

A destra ed a sinistra (e nel clero...), è pieno di falsi moralisti.
Di gente che predica bene e appena scende dal pulpito, corre ad abusare e razzolare male contraddicendo tutto ciò che aveva detto.
Corre ad abusare del potere e dei privilegi di cui gode per non fare altro che quello che deplora per acchiappare voti e potere.

Ma da chi ci facciamo governare???

Quanti potenti sono lì seduti nelle nostre poltrone, agiscono per incidere sulla nostra vita senza sapere quel che fanno?
Quando la pagheranno?
Quando cambierà l'Italia?

non so rispondere a nessuna di queste domande...

Edit:

stando al consigliere, pare sia tutto un complotto come quello contro Marrazzo.
Ma allora contro Marrazzo ci fu un complotto? e allora perché il PDL lo ha taciuto?......misteri.....

martedì 29 giugno 2010

Marcello Dell'Utri condannato a 7 anni

Se il tg satirico di raiuno, da la sua versione, se sul sito del corri.re, la prima notizia è quella sulle spie russe, se i politici fanno a gara a difendere il loro 'onorevole' collega, se per fino una condanna da 7 anni a 9 anni, è stata trasformata in vittoria dall'accusato, che anzi si lamenta dell'eccessiva durezza...

Per non dimenticare, per evitare che si occulti tutto, in fretta.
Per lasciare una traccia, sarebbe bello se tutti i bloggers sani, onesti, che credono nella giustizia (che non è quella istituzionale, per forza, altrimenti pure andr.otti è non colpevole) scrivessero che:

"...i giudici della seconda sezione della Corte d'Appello di Palermo hanno condannato Marcello Dell'Utri a sette anni di reclusione per concorso esterno in associazione mafiosa..."

Morire stupidamente

Ieri notte dopo un brutto incidente con il paracadute,
è venuto a mancare Pietro Taricone.

Roberto Saviano lo ricorda così:

Sono profondamente addolorato per la scomparsa di Pietro Taricone.
Abbiamo frequentato a Caserta la stesso liceo, io e Pietro, il liceo scientifico Diaz.
Lo ricordo quando eravamo adolescenti, lui era rappresentante di istituto, un ragazzo carismatico, solare e un po' guascone.
Nella Caserta di quegli anni la sua ribalta sconvolse tutti, si sentì aggredito da tanto successo, una luce che la nostra terra non è abituata a ricevere.
E lui sulla soglia del circo mediatico seppe prendersi il suo tempo, scegliere il suo percorso, approfittare dell'opportunità avuta per studiare e migliorarsi.
Non farsi ferire dalla bile o dalle accuse per il successo che in certe parti d'Italia è la colpa peggiore.
Amava volare, "perché il cielo non tradisce" come ogni paracadutista sa.
A tradirlo è stato l'atterraggio, è stata la terra.

Soffro per non essere riuscito a ringraziarlo, perché all'indomani delle critiche rivoltemi da Berlusconi, mi difese pubblicamente, cosa non scontata per chi viene dalla nostra provincia.
Mi mancherà riconoscere nei suoi sguardi e nel suo atteggiamento l'inconfondibile matrice della mia terra, mi mancherà guardandolo ricordare la nostra adolescenza, le manifestazioni a scuola, le gite.
Quella vita che lo attraversava e mi contagiava.

Addio Pietro, addio guerriero.

Roberto Saviano.


Io ho risposto a Saviano con queste parole:

Caro Roberto, le tue parole sono bellissime.
Rispetto il tuo dolore.

Questa notizia mi ha spiazzato, davvero una tragedia.

Pace all'anima di Pietro, che però non è morto sul lavoro, se l'è un po andata a cercare....
lo dico senza polemiche, sono arrabbiato.
mi fa rabbia una morte così gratuita.

il 19 giugno è venuto a mancare un ragazzo, un operaio, per lui pochi link su facebook

http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/cronaca/2010/06/19/visualizza_new.html_1824479759.html

ripeto non voglio polemizzare, voglio solo aggiungere qualcosa al discorso.
sono veramente triste per la scomparsa di Taricone e per la disparità di trattamento sui media della morte di un operaio.

Un abbraccio.

Non tra i commenti di Saviano, ma in altra sede, nella quale discutevo della rabbia che mi fa una morte così gratuita, mi è stato rinfacciato che Pietro non era un bravo ragazzo, che simpatizzava per l'estremma destra......ma che c'entra?

Bah.
Non so che cosa stia succedendo a tutti quanti.
Abbiamo a disposizione, i mezzi di comunicazione più potenti che l'umanità abbia mai avuto, eppure non siamo in grado di comunicare.

Si travisa di continuo, ci si fraintende di continuo, di continuo non ci si capisce e si parte per la tangente.
Ma perché perché tutto questo?

Io volevo solo sottolineare che la morte di Taricone, è stata una morte gratuita ed evitabile.
Volevo solo dire che mi fa tanta rabbia vedere una vita di 35 anni spezzata così.
Fatalità, certo.
Ma se ti lanci con il paracadute, aiuti la fatalità.
Non mi importa se statisticamente lanciarsi con il paracadute sia sicurissimo.
E' una stupidaggine.
Taricone lascia una moglie (che non tanto tempo fa ha rischiato un incidente simile a quello del marito) ed una figlia piccola.
Una fine così, è stupida. non la capisco. mi fa rabbia.

Fa rabbia anche che non si parli della morte di un operaio avvenuta pochi giorni prima.
Perché? perché questa disparità tra Taricone che muore per un lancio con il paracadute evitabilissimo e Leonardo Ippoliti che muore in fabbrica.

E pure su questo mi sono dovuto sorbire richiami.

Non sappiamo più comunicare oppure ce ne siamo dimenticati.
E allora mi sa che dobbiamo alla svelta imparare di nuovo!


Un abbraccio alle famiglie di Leonardo Ippoliti e di Pietro Taricone, perché al di là delle polemiche sterili che imperversano, due ragazzi non ci sono più.

lunedì 28 giugno 2010

L'esempio

Mio padre.

In mezzo a molte cose, tante, che da queste parti non vanno bene, se sei fortunato ed hai dei modelli di riferimento sani,
un giorno, quando sarai nel mondo, saprai applicare quegli esempi che anche inconsapevolmente ti avranno dato.


N.b. non intendo con questo sminuire mia madre, prevengo i commenti\cazziatone delle signore che mi seguono :D

venerdì 25 giugno 2010

La stupidità

Questa sera ero in giro con un paio di amici.
Nulla di che, un giro in auto, due chiacchiere e qualcosa di fresco al bar.
Una tranquilla serata di fine giugno come tante.

Camminando per via caracciolo, il famoso lungomare, ho notato che c'erano più auto abusivamente parcheggiate del solito.
Che in una zona centralissima e per un arteria così importante oltre che frequentata da turisti...non è un bella presentazione.
Tra tutte queste auto in doppia fila, parcheggiate e non in sosta, che occupavano la carreggiata intralciando la circolazione, svettava all'entrata di Castel dell'ovo una postazione mobile dei vigili urbani.
Un baluardo di nulla in mezzo al nulla, perché se la polizia municipale sta li ma intorno regna il caos, a parere mio è stupido, è inutile, è una presa per i fondelli.

Come stupido ed inutile è vedere 1km dopo, all'altezza della stazione marittima 3 volanti dei carabinieri in 100 metri e 200 metri dopo altre due volanti a fare posti di blocco ed a fare bella mostra di se.

Una giungla, tutti fanno quello che vogliono e nessuno dice niente.


Siamo stupidi.

L'educazione

Vi racconto per sfogarmi, un episodio fastidioso e triste che mi è successo pochissimi minuti fa.
Normalmente te ne freghi, però ci sono quelle giornate che non sopporti e non ti scivola via niente.

Sono alla pompa di benzina, per fare il pieno.
Non c'è nessuno dietro di me.

Mi faccio le mie cose con comodo, do la scheda punti, aspetto che me la portano, pago e mi segno i litri (sono un nerdazzo, voglio vedere il consumo al litro con climatizzatore acceso :P).

Il tutto in pochissimi minuti e senza causare nessuna coda kilometrica.

Da dietro una ragazza con accanto quella che presumo fosse la sua nobile madre, mi bussa come se stesse li da 3 ore.
Io stavo poi andando via, il millisecondo per mettere la cintura...ribussa con insistenza e blaterano qualcosa.
Dallo specchietto faccio segno come per dire " che cavolo un secondo...".

Vado via, inverto e mentre sto andando la mobil donna(per fattezze) mi urla "ma tu dove credi di essere con tutte le comodità?" (ho interpretato poi tornando a casa, credo volesse dire dove credi di essere per prendertela così comoda).

Io non l'ho manco guardata ed ho continuato ad andare per la mia strada, però adesso sono irrequieto.
E' un episodio di maleducazione così inutile e gratuito, quelle urla maleducate (il tu non è una licenza che la signora poteva permettersi, dato che seppure me li porto bene i miei anni, non sono un ragazzino e non sono neppure un suo conoscente) mi hanno disturbato.

Che razza di gente siamo?

Giuro ci ho messo pochissimo tempo a fare tutto e le gentil donne erano lì da ancora meno, ed io stavo semplicemente prendendo i punti della benzina e mettendo apposto la tessera, durante la mia sosta nel mio tempo...

Odio le persone che mi circondano, perché bisogna dirlo a gran voce, Napoli e la sua provincia è popolata da persone dal cuore grandissimo ma i maleducati sono moltissimi ed aumentano sempre di più.

Non vorrei che mio figlio o mia figlia crescessero quì un domani, per questo e per molti altri e più gravi motivi.



Scusate lo sfogo amaro e forse ingiustificato.

lunedì 21 giugno 2010

Problema rifiuti a Palermo

Purtroppo Palermo, sta messa malissimo come lo era Napoli nel 2008.
Solidarietà ai Palermitani, per gli sfottò che si prenderanno anche se non è colpa loro, per la cattiva pubblicità che come Napoli (meritatamente) riceveranno da tutta questa faccenda.

Mi incuriosisce il fatto che i media non ne parlino però.
L'espresso, testata di sinistra e certamente di parte, in questo articolo, evidenzia come questo problema si sia verificato in un area governata dal pdl e come i problemi di Palerno non abbiano la stessa risonanza mediatica che ebbe Napoli durante l'emergenza del 2008, Napoli e Campania governata allora dalla sinistra.

A pensare male si fa peccato...


Comunque, io mi auguro che a Palermo le cose si possano risolvere nel miglior modo possibile e con serietà, non certo come si è fatto a Napoli.


Tanti Auguri ai Palermitani ed alla lora bellissima terra.

sabato 19 giugno 2010

Mozzarelle Blu

Sconcertante!
Una signora va a scartare la sua mozzarella, così chiamata in maniera impropria, e si trova una palla blu incartata! O_o assurdo. chi sa le schifezze che mangiamo....

la notizia la potete leggere in questo articolo.

Non avrei mai pensato che la "mozzarella" prodotta al di fuori del consorzio mozzarella di bufala campana fosse così sofisticata.
Ed è tutto dire, pensando allo scandalo al sapor di diossina di non poco tempo fa.

che schifo.

Edit:
Aggiungo un altro articolo. pare siano 70.000 le mozzarelle puffose...

giovedì 17 giugno 2010

Il rifiuto dei rifiuti

Non troppo tempo fa ne ho parlato di nuovo in questo post.
Il presidentissimo aveva sistemato tutto, bertolastro si è vantato del termovalorizzatore di acerra, quindi tutto risolto nella gestione rifiuti.

Intanto continuano a vedersi scene del genere.
Qui trovate la photogallery.

mi vergogno profondamente.

martedì 15 giugno 2010

Legge bavaglio, ecco perché fermarla

Di Roberto Saviano. -

La Legge bavaglio non è una legge che difende la privacy del cittadino, al contrario, è una legge che difende la privacy del potere. Non intesa come privacy degli uomini di potere, ma dei loro affari, anzi malaffari. Quando si discute di intercettazioni bisogna sempre affidarsi ad una premessa naturale quanto necessaria. La privacy è sacra, è uno dei pilastri del diritto e della convivenza civile.
Ma qui non siamo di fronte a una legge che difende la riservatezza delle persone, i loro dialoghi, il loro intimo comunicare. Questa legge risponde al meccanismo mediatico che conosce come funziona l’informazione e soprattutto l’informazione in Italia. Pubblicare le intercettazioni soltanto quando c’è il rinvio a giudizio genera un enorme vuoto che riguarda proprio quel segmento di informazioni che non può essere reso di dominio pubblico. Questo sembra essere il vero obiettivo: impedire alla stampa, nell’immediato, di usare quei dati che poi, a distanza di tempo, non avrebbe più senso pubblicare. In questo modo le informazioni veicolate rimarranno sempre monche, smozzicate, incomprensibili. L’obiettivo è impedire il racconto di ciò che accade, mascherando questo con l’interesse di tutelare la privacy dei cittadini.

Chiunque ha una esperienza anche minima nei meccanismi di intercettazione nel mondo della criminalità organizzata sa che vengono registrati centinaia di dettagli, storie di tradimenti, inutili al fine dell’inchiesta e nulle per la pubblicazione. Il terrore che ha il potere politico e imprenditoriale è quello di vedere pubblicati invece elementi che in poche battute permettono di dimostrare come si costruisce il meccanismo del potere. Non solo come si configura un reato. Per esempio l’inchiesta del dicembre 2007 che portò alla famosa intercettazione di Berlusconi con Saccà ha visto una quantità infinita di intercettazioni di dettagli privati, di cui in molti erano a conoscenza ma nessuna di queste è stata pubblicata oltre quelle necessarie per definire il contesto di uno scambio di favori tra politica e Rai.

La stessa maggioranza che approva un decreto che tronca la libertà di informazione in nome della difesa della privacy decide attraverso la Vigilanza Rai di pubblicare nei titoli di coda il compenso degli ospiti e dei conduttori. Sembra un gesto cristallino. E’ il contrario. E non solo perché in una economia di mercato il compenso è determinato dal mercato e non da un calcolo etico. In questo modo i concorrenti della Rai sapranno quanto la Rai paga, quindi il meccanismo avvantaggerà le tv non di Stato. Mediaset potrà conoscere i compensi e regolarsi di conseguenza. Ma la straordinaria notizia che viene a controbilanciare quella assai tragica dell’approvazione della legge sulle intercettazioni è che il lettore, lo spettatore, quando comprende cosa sta accadendo diviene cittadino, ossia pretende di essere informato. Migliaia di persone sono indignate e impegnate a mostrare il loro dissenso, la volontà e la speranza di poter impedire che questa legge mutili per sempre il rapporto che c’è tra i giornali e i suoi lettori: la voglia di capire, conoscere, farsi un’opinione. Non vogliamo essere privati di ciò. Mandare messaggi ai giornali, mostrarsi imbavagliati, non sono gesti facili, scontati. Non sono gesti che permettono di sentirsi impegnati. Sono la premessa dell’impegno. L’intento d’azione è spesso l’azione stessa. Il dichiararsi non solo contrari in nome della possibilità di critica ma preoccupati che quello che sta accadendo distrugga uno strumento fondamentale per conoscere i fatti. La legge che imbavaglia, viene contrastata da migliaia di voci. Voci che dimostrano che non tutto è concluso, non tutto è determinabile dal palinsesto che viene dato agli italiani quotidianamente. Ogni persona che in questo momento prende parte a questa battaglia civile, sta permettendo di salvare il racconto del paese, di dare possibilità al giornalismo — e non agli sciacalli del ricatto — di resistere. In una parola sta difendendo la democrazia.

©2010 Roberto Saviano/ Agenzia Santachiara

Fonte: http://www.robertosaviano.it/articoli/legge-bavaglio-ecco-perche-bisogna-fermarla/


di seguito pubblico l'intercettazione tra Sacca e Berlusconi del 2007 che Saviano cita. (finché non la censurano...)

domenica 13 giugno 2010

Amore. what else?

Quale altro sentimento si può provare se non amore, nei confronti di un capolavoro come l'oro di Napoli?
Vi riporto l'episodio che vede protagonista l'immenso Eduardo de Filippo.

Il professore
Don Ersilio (Eduardo de Filippo) vende saggezza. Per pochi spiccioli dà consigli risolutivi a fidanzati gelosi, militari stanchi e parrocchiani in cerca di una frase ad effetto. Ma il problema del quartiere è: come fermare lo spocchioso nobile del luogo? Un pernacchio risolverà il tutto.

L'oro di Napoli è un film ad episodi del 1954 diretto da Vittorio De Sica.


Clip1


Clip2



Clip 3


sabato 12 giugno 2010

Tiziano Terzano - Il mondo è vostro

http://download.deejay.it/podcast/volo/21011_volo_250510_tiziano_terzani_e_il_messaggio_ai_giovani.mp3


sabato 5 giugno 2010

Massimo Troisi

Il 4 Giugno 1994 Massimo Troisi diventava immortale.
C'è poco da scrivere di lui.
Non era grande, è grande.

Guardate e riguardate i suoi film; magari cominciate con le clip che vi posto se per vostra disgrazia, non avete mai visto un suo film :) .

« Comm'aggio accuminciato? Ecco... io ero 'nu guaglione... ero andato a vedere un grande film. Si trattava di Roma città aperta, chillo grande lavoro di Rossellini. Me n'ero uscito da o'cinema con tutte quelle immagini dint'a capa e tutte quante le emozioni dentro. Mi sono fermato 'nu mumento e m'aggio ditto... "Massimo, da grande tu devi fà 'o geometra".[1] »













Edit:

Aggiungo il primo dei quattro spezzoni di "Morto Troisi,Viva Troisi".
Su youtube trovate le altre tre parti.

venerdì 4 giugno 2010

Il tempo è una grandezza bidimensionale

Tratto da 32 dicembre, un film di Luciano De Crescenzo.
L'avrò sicuramente già pubblicato, ma lo ripubblico perché mi piace tropp' assaje!

mercoledì 2 giugno 2010

venerdì 28 maggio 2010

La sicurezza in città

L'altra sera mio padre ha assistito al furto di uno scooter.

3 tipi su uno scooter bloccano un ragazzo che va per i fatti suoi, lo fanno scendere e gli fregano il motorino.
Nulla di strano, è pratica comune soprattutto se il motorino è uno di quelli che va molto di moda.

Mio padre chiama immediatamente il 113....ma nessuno risponde.
Il 113,il numero del pronto intervento...e nessuno risponde.

Purtroppo la realtà delle cose oggi è questa.
Non incolpo la polizia che in molti casi non ha neanche i soldi per la benzina.
Di qualcuno però la colpa sarà, visto che mio padre le tasse le paga regolarmente...
dove andranno i nostri soldi?
A Roma forse c'è una voragine che inghiotte il gettito fiscale o lo usa per non si sa cosa...

La realtà purtroppo è questa.
Ma io vorrei tanto che fosse così invece:

lunedì 24 maggio 2010

domenica 23 maggio 2010

Collettivo soleluna - io lo sapevo




Un giorno credi che sia tutto così come lo vedi
e non ti chiedi niente la superficie è sufficiente
Il cielo è il cielo finisce dove vola l'aeroplano,
un fiore è un fiore sta dentro una mano
un sorriso è un sorriso, l'inferno e il paradiso
una parola è una parola che indica una cosa
un sasso è solo un sasso, una rosa è una rosa

un giorno poi ti accorgi che un sorriso
può nascondere minaccia e tradimento
e il suo migliore amico diventa il tuo nemico
ed in un momento il volo di una farfalla (CHE BELLAAA!)
è anche l'annucio che tra poco lei morirà
e che grattando la superficie di una verità
c'è sempre sotto un'altra verità dietro il colore
con un altro disegno e che ogni regno si difende sempre
da un altro regno e che l'amore, ah l'amore come in gelateria
ha mille gusti e mille differenti qualità
e che non c'entra niente con quello che ti avevano raccontato qua e là

Un giorno credi e un giorno non credi più
e quasi niente e come lo pensavi tu
e con in mano il telecomando cambi canale
ti sembra che il programma è sempre uguale
la stessa mano che accarezza l'animale poi lo punisce
tutto quello che comincia dopo finisce

IO LO SAPEVO MA NON SAPEVO DI SAPERLO ...
Io lo sapevo ammesso e non concesso che io voglia ricordare

Un giorno credi che tutto sia così come lo vedi
un giorno sei bambino davanti al tuo disegno
e la parola di un adulto può bastare a fare a pezzi il tuo ingegno
la tua capacità di raccontare, ti ritrovi a trent'anni imbarazzato
a dire: io non so disegnare, io non so cantare, io non so ballare
solo perchè hai paura che tutti siano lì per giudicare
e una stretta di mano può essere una ghigliottina
e c'è un punto in cui ogni pianura diventa collina
una collina una momtagna, una montagna una cima
ma per paura di arrivarci ti fermi prima

Un giorno credi che sei quello che sei in quel momento
immobile come un monumento e intanto è in atto
un altro cambiamento che ti sorprende
come la primavera fa col pesco, fa freddo ma dici esco
e ogni stagione è l'annucio che poi cambia stagione
e poi che cos'è che fa morir di vita le persone
tutti i dubbi del mondo si sciolgono se arriva l'emozione
la stessa mano che accarezza l'animale gli da la punizione

IO LO SAPEVO MA NON SAPEVO DI SAPERLO ...
Io lo sapevo che il mondo è bello come il corpo di una donna amata
che un bacio può tradire
che gli animali sanno sempre cosa fare
che c'è un bambino che c'ha ancora voglia di giocare
che non si puo' sfuggire dal dolore
che le promesse in amore sono come il vento
che è sempre tutto quanto in movimento
che nell'infinito ogni punto è il centro
io lo sapevo che un minuto di vita vera vale come la vita intera
che nel ricordo è gradita anche la tortura
che il coraggio è un'evoluzione della paura
che ci sono pensieri che avvelenano il cervello
che nonostante tutto (CHE BELLOOO!)~

IO LO SAPEVO MA NON SAPEVO DI SAPERLO ...

domenica 16 maggio 2010

il ruoto (piatto domenicale Napoletano)

spiegato in poche semplici parole :)

Buona Domenica.


lunedì 10 maggio 2010

Un altro pianeta

Oggi nel primo pomeriggio,
sono andato a fare visita, ad una mia amica da poco diventata mamma.
Lei e suo marito sono due cari amici ai quali ho avuto il piacere di fare da autista il giorno del loro matrimonio.

Ospedale della Santissima Annunziata, nel centro storico di Napoli.
Un luogo con una storia un pò triste, nel quale prima venivano abbandonati i bambini che nessuno voleva.

Oggi è un ospedale con un reparto di ostetricia e ginecologia molto curato.
Io, da bravo casinista, arrivo al limite dell'orario visite e la guardia mi fa accomodare fuori.
Non demordo ed approfittando di un amica che nel frattempo è sopraggiunta con sua madre, mi infilo.

Restando fuori dalla stanza;
Per rispettare la privacy delle altre neo mamme, mi esilio in corridoio.
La mia amica non era in camera e così c'era da aspettare un pò.

Dal mio autoesilio in corridoio noto una cosa.
In stanza ci sono tre neo mamme, tre estranee l'una per l'altra, più la mia amica e sua madre che pure sono estranee.
Una frazione di secondo e cominciano a parlare un linguaggio di donne, fatto di un intesa istantanea.
Si parlano, si dicono cose, cose che nella semantica sono a me comprensibili ma che nel contempo sono un linguaggio a me sconosciuto.
In quella situazione, essere un uomo ti pone ai margini di tutto.

Le vedi, da una posizione defilata, l'unica che ti spetta in quel frangente.
Parlano, anche senza parlare.
Esistono in una zona franca in cui non c'è distinzione di reddito, colore della pelle, livello d'istruzione.
Parlano di cose di donne, chiedono, si raccontano, si fanno i complimenti per i rispettivi bambini appena nati, si scambiano esperienze;
e tu uomo, stai ai margini.

Eppure dalla mia posizione defilata, ho visto e sentito.
Ho capito, quello che ho potuto.

Auguri al piccolino.
Che da grande, possa diventare come lo zio. :P


p.s. con una punta di ironia ma anche con un pò di orgoglio maschilista, rilevo però, che in una stanza con 4 neo mamme, il mio nipotino è stato l'unico maschio ;).
da subito circondato da donne e seppur in inferiorità numerica, già pronto a lottare per la nostra "fazione" 8)


sabato 8 maggio 2010

Dedicato a tutti gli Expat Bloggers Italiani all'estero

Well done ragazzi.
Non guardatevi indietro mai :)

Vi posto un podcast della trasmissione di radio 24, Giovani Talenti di Sergio Nava.
In questo podcast, una ragazza 31enne si racconta.
Racconta come non riesca a tornare a lavorare in Italia dopo essere cresciuta e gratificata all'estero (ha una posizione di responsabilità in un istituto bancario Inglese, nell'area marketing).

Intervistato anche Aldo di Italians in fuga.

Non aggiungo nessuna considerazione, direi le solite cose dette e stra dette.
Ma vorrei sapere, voi, che ne pensate?


Buon fine settimana :)

Once with Glen Hansard and Marketa Irglova


Once, un film di Glen Hansard,
con musiche di Glen Hansard e Marketa Irglova.

Se non l'avete visto, cercate di rimediare. :)




Buon fine settimana.






domenica 2 maggio 2010

situazione rifiuti in campania

Non troppo tempo fa, un noto presidente del coglionsiglio itagliano, che per comodità chiameremo ilvio sblerucchioni, ha dichiarato che l'emergenza rifiuti in campania era definitivamente risolta.
In effetti da quando mi dilettavo a fotografare il mio bel cassonetto di immondizia sepolto da un monte di monnezza, delle cose sono cambiate.
Si fa la differenziata, ma non ho idea di dove vada a finire tutto quello che differenziamo.
Non ci sono più i bidoni classici e quindi dobbiamo mettere l'immondizia davanti ai cancelli.
Il termovalorizzanonsisache di acerra pare funzioni, e dicono che non inquini neanche (certo, anch'io mi farei beffe di quegli stolti che pensano ancora che bruciare rifiuti produca sostanze inquinanti).

Tuttavia,
il l capo delegazione per la commissione petizioni in Commssione Europea, Judith Merkies (che in quanto donna ed in quanto bionda, sicuramente non capisce niente per quello si è allarmata), dichiara che la situazione rifiuti in campania è preoccupante.
Come fa questa donna, che non ha nemmeno mai fatto la velina a contraddire quanto dicono gli uomini?

Di seguito le fesserie dette dalla capa commissione.
Eccovi un articolo ed un video della sua intervista.



venerdì 30 aprile 2010

Giorgio Gaber era un genio!

Questo pezzo è fantastico :D

Giorgio Gaber - Donne Credetemi



Donne, credetemi, io mi vergono
di tutto ciò che vi sto per dire,
ma è stata Venere a consigliarmi
di non temere di farvi arrossire.
Sia vostra cura conoscervi bene
per valutare le situazioni
e in base alla forma del vostro corpo
sapere scegliere le posizioni.
Tu che sei bella rimani supina
perché il tuo viso lui possa ammirare
ma se hai le spalle più belle del viso
è chiaro che tu ti devi voltare.

Se c'è una ruga che segna il tuo ventre
devi nasconderla con le tue arti
e con sapiente premeditazione
dall'altra parte tu devi mostrarti.
Tu che hai gambe così agili e belle
devi cercare di metterle in vista
e sulle spalle del tuo compagno
devi appoggiarle vicino alla testa.
Tu che sei piccola sali a cavallo
ma se sei alta non devi mai farlo
difatti è noto che Ettore mai
chiese ad Andromaca di cavalcarlo.

Se sai di avere bellissimi i fianchi
resta in ginocchio sull'orlo del letto,
stenditi invece un po' obliquamente
se nei tuoi seni non c'è alcun difetto.
Non ritenere sia sconveniente
sciogliere tutti i tuoi biondi capelli
tieni presente che sul fianco destro
potrai passare i momenti più belli.
Nemmeno i tripodi del grande Febo,
neanche il famoso Cornigero Ammone
vi san cantare come io faccio
una così deliziosa canzone.

E' stata forse la lunga esperienza
che mi ha aiutato a conoscere un'arte
fatta di mille nascosti segreti,
potete fidarvene, statene certe!
Dovrai cercare che sia per entrambi
contemporanea la conclusione
e sussurrando parole d'amore
sarà più dolce la situazione.
Anche se sei per natura un po' fredda
io ti consiglio di fingere un poco
ma quando fingi non ti tradire
e non scoprire le carte del gioco.

Donne credetemi, io mi vergogno,
ci sono cose che non so svelare,
ma voglio darvi ancora un consiglio,
poi finalmente potrò terminare.
Non spalancate mai le finestre
l'ambiente deve restare un po' scuro,
ci sono parti del vostro corpo
che vanno in ombra, questo è sicuro.
E se alla fine al vostro compagno
volete chiedere un pegno d'amore,
potete chiederlo ma a condizione
che il dono sia di nessun valore.

E a questo punto, giovani amiche,
termina il canto, termina l'estro,
ma ricordatevi di dire sempre,
che è stato Ovidio il vostro maestro.