Orgoglio Partenopeo

Loading...

lunedì 12 luglio 2010

Indro Montanelli, ai posteri

Montanelli sull'Italia ed il suo futuro:



Travaglio parla di Montanelli, con Feltri che viene "lievemente" sbeffeggiato telefonicamente da Montanelli:




EDIT:
Biagi che intervista Montanelli con uno scambio di battute usando il "tu", un altra chicca.



6 commenti:

  1. nel primo video il Maestro, mi pare un pò 'sindromato'...gli italiani lo fanno meglio, sono i migliori...
    manca solo che spieghi che abbiamo il bidet e gli altri no ;)

    RispondiElimina
  2. invece a me non sembra.

    parla di Italiani come popolo che si adatta, che si integra, che non è refrattario ai cambiamenti, che s'arrangia e si adatta.

    penso, o almeno io ho interpretato così, il suo "siamo i migliori".

    vabbè che era anzianotto, però è Montanelli non è un ragazzino di 18 anni alla prima esperienza all'estero che sente la mancanza della lasagna di mamma.

    ripeto, io ho interpretato e ho capito questo messaggio.

    RispondiElimina
  3. dice che gli italiani ovunque vadano si assimilano al contesto, non mantengono le tradizioni e l'entità, come gli ebrei (cosa che invece non mi trova d'accordo) ed alla fine alla domanda 'questo è un difetto?' dice che lo è, ma che può essere anche una virtù.
    per lo più l'ho paragonato ai sindromati, perchè i sindromati sostengono che gli italiani lo farebbero meglio, che i migliori sono gli italiani etc etc...

    chiaramente era una battuta/provocazione ;)

    ps: quanto mi mancano Biagi e Montanelli!

    RispondiElimina
  4. Magari i sindromati avessero l'1% di quello che aveva Montanelli in testa.


    Comunque, se tu vivi bene a Brno, ha ragione lui :D

    RispondiElimina
  5. nel primo video è interessante la differenza tra italiani ed ebrei sulla difesa o meno della propria identità. Per me non è tanto una questione di nazione, ma di popolo. Gli italiani non sono popolo, gli ebrei sì. Hanno "spiritualizzato la terra" coltivando gelosamente la propria tradizione e la propria lingua ad ogni latitudine. Per noi, invece, la tradizione è diventata un peso imbarazzante, che nascondiamo anche a noi stessi, ma che molti di noi non esitano a sfruttare a proprio vantaggio (giustamente).

    vincenzillo.splinder.com

    RispondiElimina
  6. Eh si Vincenzillo, credo che le cose stiano proprio così.

    Azzardo una teoria.
    Non è che stiamo diventando dei "pezzenti arricchiti" ?
    Che dimenticano perché quella tradizione è legata ad immagini che non ci piacciono?

    50 anni fa noi stavamo come un qualsiasi paese in via di sviluppo dell'estremo est Europa oggi.

    può essere questo?

    RispondiElimina

Lascia pure un commento :)