Orgoglio Partenopeo

Loading...

martedì 15 giugno 2010

Legge bavaglio, ecco perché fermarla

Di Roberto Saviano. -

La Legge bavaglio non è una legge che difende la privacy del cittadino, al contrario, è una legge che difende la privacy del potere. Non intesa come privacy degli uomini di potere, ma dei loro affari, anzi malaffari. Quando si discute di intercettazioni bisogna sempre affidarsi ad una premessa naturale quanto necessaria. La privacy è sacra, è uno dei pilastri del diritto e della convivenza civile.
Ma qui non siamo di fronte a una legge che difende la riservatezza delle persone, i loro dialoghi, il loro intimo comunicare. Questa legge risponde al meccanismo mediatico che conosce come funziona l’informazione e soprattutto l’informazione in Italia. Pubblicare le intercettazioni soltanto quando c’è il rinvio a giudizio genera un enorme vuoto che riguarda proprio quel segmento di informazioni che non può essere reso di dominio pubblico. Questo sembra essere il vero obiettivo: impedire alla stampa, nell’immediato, di usare quei dati che poi, a distanza di tempo, non avrebbe più senso pubblicare. In questo modo le informazioni veicolate rimarranno sempre monche, smozzicate, incomprensibili. L’obiettivo è impedire il racconto di ciò che accade, mascherando questo con l’interesse di tutelare la privacy dei cittadini.

Chiunque ha una esperienza anche minima nei meccanismi di intercettazione nel mondo della criminalità organizzata sa che vengono registrati centinaia di dettagli, storie di tradimenti, inutili al fine dell’inchiesta e nulle per la pubblicazione. Il terrore che ha il potere politico e imprenditoriale è quello di vedere pubblicati invece elementi che in poche battute permettono di dimostrare come si costruisce il meccanismo del potere. Non solo come si configura un reato. Per esempio l’inchiesta del dicembre 2007 che portò alla famosa intercettazione di Berlusconi con Saccà ha visto una quantità infinita di intercettazioni di dettagli privati, di cui in molti erano a conoscenza ma nessuna di queste è stata pubblicata oltre quelle necessarie per definire il contesto di uno scambio di favori tra politica e Rai.

La stessa maggioranza che approva un decreto che tronca la libertà di informazione in nome della difesa della privacy decide attraverso la Vigilanza Rai di pubblicare nei titoli di coda il compenso degli ospiti e dei conduttori. Sembra un gesto cristallino. E’ il contrario. E non solo perché in una economia di mercato il compenso è determinato dal mercato e non da un calcolo etico. In questo modo i concorrenti della Rai sapranno quanto la Rai paga, quindi il meccanismo avvantaggerà le tv non di Stato. Mediaset potrà conoscere i compensi e regolarsi di conseguenza. Ma la straordinaria notizia che viene a controbilanciare quella assai tragica dell’approvazione della legge sulle intercettazioni è che il lettore, lo spettatore, quando comprende cosa sta accadendo diviene cittadino, ossia pretende di essere informato. Migliaia di persone sono indignate e impegnate a mostrare il loro dissenso, la volontà e la speranza di poter impedire che questa legge mutili per sempre il rapporto che c’è tra i giornali e i suoi lettori: la voglia di capire, conoscere, farsi un’opinione. Non vogliamo essere privati di ciò. Mandare messaggi ai giornali, mostrarsi imbavagliati, non sono gesti facili, scontati. Non sono gesti che permettono di sentirsi impegnati. Sono la premessa dell’impegno. L’intento d’azione è spesso l’azione stessa. Il dichiararsi non solo contrari in nome della possibilità di critica ma preoccupati che quello che sta accadendo distrugga uno strumento fondamentale per conoscere i fatti. La legge che imbavaglia, viene contrastata da migliaia di voci. Voci che dimostrano che non tutto è concluso, non tutto è determinabile dal palinsesto che viene dato agli italiani quotidianamente. Ogni persona che in questo momento prende parte a questa battaglia civile, sta permettendo di salvare il racconto del paese, di dare possibilità al giornalismo — e non agli sciacalli del ricatto — di resistere. In una parola sta difendendo la democrazia.

©2010 Roberto Saviano/ Agenzia Santachiara

Fonte: http://www.robertosaviano.it/articoli/legge-bavaglio-ecco-perche-bisogna-fermarla/


di seguito pubblico l'intercettazione tra Sacca e Berlusconi del 2007 che Saviano cita. (finché non la censurano...)

5 commenti:

  1. Ci incontriamo spesso sul blog di Vincenzillo e non sono mai venuto a curiosare il tuo.

    Su questa questione, come già sai, sono d'accordissimo con te e con tutti coloro che vogliono bloccare questo pessimo provvedimento legislativo.

    RispondiElimina
  2. il Blog di Vincenzillo è uno dei pochi seri e coerenti, un bel posto virtuale.

    vediamo cosa si riesce a fare.
    visto che altre cose sono passate nel silenzio, temo anche questa passerà allo stesso modo.

    come hanno detto su spinoza "adesso che ci sono i mondiali chi sa cosa approveranno".

    Grazie per essere passato di quì :)

    RispondiElimina
  3. E' un vero scandalo, questa norma sulle intercettazioni. Per mettere al sicuro l'attuale classe politica, oltremodo corrotta, e rendere inutilizzabili le intercettazioni che inchiodano la 'cricca' della Protezione Civile, presto avremo una norma che rappresenta un 'unicum' al mondo (per lo meno quello libero e civilizzato), che favorisce la vita alla criminalità organizzata (come se campasse male, in Italia!).
    Si ripete lo scempio sfiorato con la norma 'bloccaprocessi': per favorire pochi ed evitare le accuse di incostituzionalità ex art. 3 Cost., si crea una porcheria che permetta a chiunque di delinquere.

    RispondiElimina

Lascia pure un commento :)