Orgoglio Partenopeo

Loading...

mercoledì 2 gennaio 2008

Anno nuovo monnezza vecchia parte I

Siamo nell'anno nuovo ormai da un bel pò.

Anno nuovo...ma problemi vecchi.
La mattina del primo mentre tornavo a casa mi sono deliziato i polmoni a respirare quell'arietta fina al sapor di diossina che scaturiva dai cumuli di rifiuti incendiati da qualche intelligentissimo mio concittadino.

Io sono ottimista dico che non si risolverà mai il problema o almeno per allora saremo già tutti morti di cancro o di un male equipollente!
(passatemi l'uso improprio di questa parola)

Chiedevo a Stellan Kinberg come si chiudesse il ciclo dei rifiuti in Svezia, dove vive, e lui mi ha risposto così.

In pratica, riassumendo, tutto o quasi si fonda sulla civiltà e sulla buona volontà del singolo cittadino.
Ci sono i punti di raccolta per i materiali riciclabili e i punti di raccolta per oggetti ancora riutilizzabili o che comunque necessitano di una procedura particolare per lo smaltimento tipo televisori (nell'articolo di Stellan che vi ho linkato c'è una bella foto in cui è presentata una bella parata di cessi).
Il sistema funziona finchè tutti partecipano e anche lì ci sono stati momenti in cui c'erano problemi.
Stellan giustamente mi fa notare che la Svezia ha comunque "solo" 9 milioni di abitanti, mentre l'Italia 59 milioni.
Eh si quei 50 milioni di abitanti in più pesano... e allora che facciamo? il problema resta lì?


A Goteborg comunque si fa così si porta tutto in un centro di raccolta come si può leggere nel post di Stellan.
E da noi a Napoli?

adesso mi monto la testa e mi elevo a cittadino modello.

Mettiamo che voglia buttare il vetro nel contenitore nel vetro e la plastica nel contenitore della plastica facendo il bravo cittadino.
Quando il contenitore è vuoto lo faccio, mi prendo la briga di dividere i rifiuti....
Poi viene il furgone dei rifiuti e mette tutto insieme perchè tanto poi non si ricicla nulla e tutto va a finire nella stessa discarica.
allora che senso ha fare il bravo cittadino?
Lo stato dov'è?

Da piccolo alle elementari ci hanno insegnato a buttare i quaderni vecchi nel bidone della carta.
ottima mossa educativa!
peccato che dopo un certo periodo il bidone nessuno lo svuotava e ci è stato detto di buttare la carta nel secchio normale perchè tanto non veniva riciclata.

Che lezione ci hanno insegnato a noi bambini di allora? che il riciclaggio è una scemenza!
Nei prossimi giorni si troverà un altra soluzione temporanea e tutti ci dimenticheremo del problema.
Forse questo è il punto nodale della questione.

Passata l'emergenza tutti a farsi gli affari propri...


allora siamo noi incivili a meritarci tutto questo?oppure è lo stato che non c'è?
Boh!

ditemelo voi.
intanto vi lascio con una veduta panoramica di un cassonetto vicino casa.
tale cassonetto è stato immortalato un paio di giori fa.
adesso la montagnola di immondizzia è diventata 5 volte più alta... ma quello che si deve capire si capisce lo stesso.
cioè che siamo nella M...ben oltre i capelli!

12 commenti:

  1. Top the word or better the verb "to recycle" is banned out from our dictionary, or to be more specific it hasn't any sense for 0'sistema (current name for the criminal organization camorra), you know as much as me that in our city, unfortunately, 0'sistema has the last word in this rich business and the Italian government(because I think the rubbish in Naples has become a national affair) doesn't want to get us out of this demeaning and nasty situation or it's deaf!
    To compare our rubbish collect system with others (Swedish)make my heat grow against our politicians or I like calling them "money glutton"

    RispondiElimina
  2. Ti ricordi Don Camillo con il contadino che non poté riappropriarsi del proprio terreno (perché la in quel suop terreno si teneva nascosto un carro armato)? Che fece? Fece accampamento davanti all'entrata del Comune in compagnia di mucche da mungere e galline a cui badare.

    A me verrebbe una gran voglia di organizzare un viaggetto una notte con tutta quella spazzatura per scaricarla davanti al portone del Comune. O forse meglio, davanti alla villa del Sindaco. Hmmm

    RispondiElimina
  3. guarda davanti alla villa del sindaco non so se c'è immondizzia.
    ma non credo.

    davanti al comune e tutto intorno si però :P


    comunque il problema, come puntino ha giustamente osservato, è più ampio.
    ci sono giochi di potere enormi dietro e le persone che manifestano sono anche un attimo manovrate.

    Tutti si lamentano della gestione rifiuti ma nessuno pone l'accento su di un aspetto tanto semplice quanto grave.

    quale? bhe ci si lamenta dello sperpero di denaro che c'è...però poi in cambio di un posto fisso in uno dei tanti (Troppi) consorzi che gestiscono la raccolta rifiuti ci si vende al politico di turno.

    ecco che poi andare solo davanti casa del sindaco o del presidente della regione diventa un azione inutile e parziale perchè il gioco è molto molto più grande.

    Report ne ha parlato ampiamente.
    cerco di recuperare quella puntata!

    Buona Giornata.

    RispondiElimina
  4. Per dovere di cronaca, aggiungo una piccola nota di precisazione sul sistema di riciclaggio nei paesi nordici (anche se chi ci vive lo saprà ben meglio di me)...

    Quando tu povero consumatore vai a fare spesa al supermercato, e sei così sfigato da avere bisogno dell'alimento X, che per tua supersfiga è conservato in un contenitore di plastica (e parlo in particolare delle bottiglie), noterai con tuo "somma gioia" che il prezzo di suddetto articolo è sproporzionatamente alto (soprattutto se fai il confronto con i prezzi che lo stesso identico prodotto ha in un paese non civilizzato con l'Italia). Nella maggior parte dei casi addirittura raddoppiato...
    L'esempio classico è quello di quel prodotto innominabile per non fare pubblicità il cui nome inizia per Coca e finisce per Cola.
    E poi scopri che per riavere la metà dei soldi che ti sono stati addebitati, non devi far altro che riportare il vuoto al negozio, dove una brillante macchinina si riprenderà il vuoto e ti rilascerà uno splendido scontrino da scalare dalla spesa.
    Se ne conclude che a queste condizioni, grazie che ti viene voglia di riciclare...

    RispondiElimina
  5. Si Angese mi raccontasti della tua esperienza in Norvegia se non erro.

    in Svezia non ho notato stà cosa con le bottigliette d'acqua.

    noi piuttosto le abbiamo conservate perchè quella del rubinetto era ottima e non valeva la pena spendere 25:- di acqua imbottigliata.

    poi in qualsiasi locale vai prima di tutto ti mettono un broccone d'acqua e dei bicchieri.
    ma questa è un altra storia.

    comunque grazie per aver riportato la tua esperienza :)
    se vuoi aggiungi pure.

    RispondiElimina
  6. Dear Top,

    "in Svezia non ho notato stà cosa con le bottigliette d'acqua"

    Fantascienza "martedì, 23 ottobre 2007" on
    http://rinascitaalnord.splinder.com/tag/svezia?from=10

    RispondiElimina
  7. sono molto stanco...forse per questo nn capisco il tuo link a cosa doverebbe portarmi :P

    lo riguardo domani con calma:D

    RispondiElimina
  8. Non serve andare fino in Svezia per avere una raccolta dei rifiuti differenziata, civile e funzionante. Lo stesso sistema si trova anche in Italia. Quindi non è questione di 50 e passa milioni di abitanti...

    RispondiElimina
  9. parliamo sempre di comunità assai piccole.

    da noi si aggiungono tanti fattori negativi.

    malgoverno + mancanza di programmazzione + camorra + popolazione che si merita di stare così.

    già perchè noi ce lo meritiamo.
    in strada in punti di passaggio la gente per non buttare l'immondizia sotto casa lascia i sacchetti lì in giro.
    è qualcosa di assurdo!
    non so descriverlo.

    vorrei entrare nella testa di questa gente di M.
    che è la stessa gente che da fuoco ai cassonetti.


    stò cercando le statistiche ufficiali riguardanti l'incidenza di cancro sulle popolazioni residenti nell'area Nord di Napoli.
    numeri altissimi.

    queste ed altre ragioni mi spingono sempre più ad andare via (Irlanda o magari Svezia?) e spaccarmi la schiena all'inizio per inserirmi in quella società (vivere stabilmente in Svezia sarebbe un sogno) piuttosto che rimanere quà anche con un buon lavoro.

    RispondiElimina
  10. Quando vedi quella porcheria fuori casa o come sotto ai bidoni della spazzatura vengono tanti pensieri piú o meno sensati. È chiaro che un viaggio dal sindaco ha poco senso ma i sentimenti sono quelli che sono.

    Ma certe volte bisogna comunque darsi da fare... come mettersi d'accordo con amici e fare qualcosa di concreto. Come era il caso nostro a Lipari. Dietri i bidoni sotto gli ulivi era strapieno di spazzatura e... non é un lavoro bello da fare ma almeno dopo c'é una grande soddisfazione.

    RispondiElimina
  11. Per la cronaca...
    la montagna della foto è diventata dieci volte più grossa e continua a crescere.

    RispondiElimina
  12. La montagnola è cresciuta in questi giorni.
    domani se non piove gli faccio un altra foto per farvi vedere quanto stà crescendo bene.

    oramai ci siamo affezzionati ha quasi 54 giorni compiuti...
    è una creatura viva oramai. che cresce, cresce, cresce, cresce...

    RispondiElimina

Lascia pure un commento :)